Mascalzone latino

Mascalzone latino – 1989

Anna verrà
Faccia gialla
N’ata stagione
‘A speranza è semp’ sola
Carte e cartuscelle
Ammore scumbinato
‘O ‘mericano
Aria strana
Giungla
Sambaccussì


Testi 
Anna verrà

Anna verrà
col suo modo di guardarci dentro
dimmi quando questa guerra finirà
noi che abbiamo un mondo da cambiare
noi che ci emozioniamo ancora davanti al mare
Anna verrà
e sarà un giorno pieno di sole
e allora ti cercherei
forse per sognare ancora
ancora…
Anna, dimmi
se è così lontano il mare

Anna verrà
col suo modo di rubarci dentro
di sorridere per questa libertà
noi che abbiamo un mondo da cambiare
noi che guardiamo indietro
cercando di non sbagliare
Anna verrà
raccoglieremo i cani per strada
ci inventeremo qualche altra cosa
per non essere più soli
Anna, dimmi
se è così lontano il mare.

Faccia gialla

Hey man, don't worry
mascalzone latino ma cu na faccia pe' parlà'
Hey man, don't cry
passaporto latino per cercare chi non si troverà
pecchè 'o munno è d'e pazze
e so' pazz' 'a cacà'
i' 'a penz' accussì
'a gente ca se straccia po' int'a città
'o sole po' che fa
pecchè 'o munno è d'e pazz'
e so' pazz' futtut'
so' tutti mafius'
so' tutti mafius'
'ncopp'o sang' d'a povera gente
nun guardano 'nfaccia a niente
Hey man, don't worry
mascalzone latino cu na faccia pe' campà'
Hey man, don't cry
mascalzone latino
sotto un cielo che è azzurro ancora
'o sole che fa
pecchè 'o munno è d'e pazz'
e so' pazz' a' cacà'
i' parlo accussì
i' parlo accussì
e intanto 'a gente ccà se straccia 'int'a città
'o sole che fa
pecchè 'o munno è d'e pazz'
e so' pazz' futtut'
so' tutti mafius'
so' tutti mafius'
'ncopp'o sang' d'a povera gente
nun guardano 'nfaccia a niente
Faccia gialla tu che può
Faccia gialla tu che può
salvammo pure 'e fessi
a chi dà 'e sorde c'o 'nteresse
Faccia gialla tu che può…

N'ata stagione

Luna,
luna dint' all'acqua
l'acqua 'nfonne 'o munno e 'a terra
faticata 'a chesti braccia
Luna,
luna marinara
so' arrivate trenta navi
nave ca nun trova puorto

Che succede, che succede
che succederà
Luna,
luna africana
portano 'e figli luntano
e luntano so' lampare
Votta a venì' n'ata stagione
votta a venì'
Sole,
levame stu sfizio
famme vedè'

Luna,
luna dint' all'acqua
l'acqua 'nfonne 'o munno e 'a terra
faticata 'a chesti braccia
Che succede, che succede
che succederà

'A speranza è semp' sola

'O nonno è muorto a sissant'anne
faticava sempe faticava all'atan
ma a Cristo nun l'ha visto maje
sputava semp' jastemmava assaje

Gesù Cristo, Gesù Cristo
'a speranza nun s'è vista
'a speranza è semp' sola
pe' tramente nuje pigliamm' semp' 'e sole

'O nonno è muorte a sissant'anne
'a gente diceva ca era n'ommo santo
'a gente 'o ssaje che se ne fotte
chi è vivo è vivo e chi è muorto è muorto

Puteva campà n'at'anno
Puteva campà n'at'anno
Gesù Cristo, Gesù Cristo
ccà 'a speranza nun s'è vista
'a speranza è semp' sola

Puteva campà n'at'anno
'O nonno è muorte a sissant'anne
'a gente diceva ca era n'ommo santo
puteva campà n'at'anno.

Carte e cartuscelle

Bisogna andare fino in fondo
anche se in questa storia sei
rimasto un po' deluso
te siente già curius' e po'
nun da' retta è meglio ca ognuno penza a sé
nun fa' comm'a me
che parlo sulo
che faccio capa e muro

Bisogna andare fino in fondo
anche se in questo mondosei
nu poco cchiù 'mbranate 'e me
bevimmo troppi cafè
nun da' retta è meglio ca ognuno penza a sé
ma i' te voglio vedè'
'na vota ancora
'na vota sola

Pe' dint'a sacca carte e cartuscelle
e so' tre ghiuorne ca 'e voglio jettà'
pe' nun te penzà' cchiù
pecchè ce staje semp' tu
Bisogna andare fino in fondo
anche se in questa storia sei
rimasto un po' deluso
te siente già curius' e po'
nun da' retta è meglio ca ognuno penza a sé
te voglio vedè'
'na vota sola
'na vota ancora.

Ammore scumbinato

Pecchè c'adda piglià' sta gelusia
ma quanno chiuro l'uocchio se ne va
nun dicere che è semp' colpa mia
nun faccio maje 'e ccose tanto p' 'e ffà'

Pecchè c'adda piglià' sta gelusia
jurnate sane senza ce parlà'
i' che so pazzo e po' 'o saccio pur'io
'a vita è nu muorzo nun me fa' 'ntussecà'

Ammore scumbinato
troppo arrepezzato
ammore ca nunn'ha sunnato cchiù
i' sto ancora ccà
stong' ancora ccà
tanto è cos'e niente
pe' tramente va

Pecchè c'adda piglià' sta gelusia
ce basta sulo 'o munno a ce 'ncazzà'
stasera ascimmo 'nzieme ammore mio
pure si nunn'è vero
mo fatte purtà'
Ammore scumbinato
troppo arrepezzato
ammore ca nunn'ha sunnato cchiù
i' sto ancora ccà
stong' ancora ccà
tanto è cos'e niente
pe' tramente va.

'O 'mericano

'O 'mericano tene 'e sorde
e nun se po' caccià'
'o 'mericano è 'na sacca sicura
quanno cammina tutt'e guaglione 'o vonno guardà'
pure si è overo e nun tene cultura
'o 'mericano pe' tant'anne c'ha fatto campà'
accattate 'e marlboro
telefilm e coca-cola

Paese addò miette 'e limune 'int'e cannune
chin' 'e contraddizioni e scritte 'ncopp'e muri
'e strade strette ca portano a mare
chin' 'e bandiere americane

'O 'mericano beve 'a birra ma le piace 'o vino
'e nave 'e guerra semp' vicine
'o 'mericano è n'amico
nun te lascia maje sulo
'o 'mericano porta furtuna
'o 'mericano pe' tant'anne c'ha fatto campà'
accattate 'e marlboro
telefilm e coca-cola.


Aria strana

Chesta dummeneca è passata
tra doje partite e doje resate
si po' nisciuno t'ha chiammato
nun t'avvilì'
Chesta dummeneca è passata
'e criature hanno jucato tutt'a jurnata
piatti chini e uocchie assunnate
nun po' fernì'

So' cuntento, so' cuntento
pure si pare ca nun succede niente
so' cuntento, so' cuntento
e si nun duorme cunta fin'a ciento
so' cuntento
'e chest'aria strana

Chesta dummeneca è passata
'mmiez'a via troppi surdate
guardano 'e femmene allupate
ma nun po' fernì'
Chesta dummeneca è passata
'e criature hanno jucato tutt'a jurnata
si po' nisciuno t'ha chiammato
nun t'avvilì'

Giungla

Statte zitto e ghià fernisce
statte sor' p'a maronna ca nun t'appiccia
statte ciunco
ciùncate 'nterra
è una giungla questa qua
statte zitto e nun parlà'

Chi 'a vo' cotta e chi 'a vo' cruda
se parla sulo 'e sorde e quacche posto sicuro
statte accorto 'o sentimento
che quando addosso ci cadrà
il mondo poi ci crederà

Statte accorto 'e cauci int'e scianche
Statte accorto pure 'a signora affianco
statte accorto 'e malalengue
è una giungla questa qua
statte zitto e vuo' campà'?

Sambaccussì

E parliamone ancora
dei tuoi progetti proprio adesso
mo a quest'ora
a luci spente senza dirsi una parola
griderei ca nun me fido cchiù

E parliamone ancora
la gente è strana
ma non puoi restare sola
quando il mondo cade addosso
io allora griderei
ca nun me fido cchiù

Si accussì, accussì
famme ridere accussì
pe' nun sentì'
tutto chello ca ce sta e po' che fa
si parlo sulo

Si accussì, accussì
famme ridere accussì
pe' nun sentì'
'o burdello ca ce sta e po' che fa
si parlo sulo

E parliamone ancora
i libri poi bruciati fuori dalla scuola
io qualche notte me lo sogno ancora
griderei ca nun me fido cchiù.Sambaccussì

E parliamone ancora
dei tuoi progetti proprio adesso
mo a quest'ora
a luci spente senza dirsi una parola
griderei ca nun me fido cchiù

E parliamone ancora
la gente è strana
ma non puoi restare sola
quando il mondo cade addosso
io allora griderei
ca nun me fido cchiù

Si accussì, accussì
famme ridere accussì
pe' nun sentì'
tutto chello ca ce sta e po' che fa
si parlo sulo

Si accussì, accussì
famme ridere accussì
pe' nun sentì'
'o burdello ca ce sta e po' che fa
si parlo sulo

E parliamone ancora
i libri poi bruciati fuori dalla scuola
io qualche notte me lo sogno ancora
griderei ca nun me fido cchiù.

Artisti:


Pino Daniele:
testi musica e chitarre
Rosario Jermano:
percussioni
Bruno Illiano:
tastiere.
e con:
Clive Mayuyu
Benny Pollinetti
Max Perry.

Prodotto e arrangiato da:
Pino Daniele
registrato negli studi: Demomusic
da Marcello Todaro – 1989.

Note: Album ricordato e conosciuto spesso per Anna verrà, ma come non ricordare alcuni altri splendidi brani come: Carte e cartuscelle, Aria strana, Ammore scumbinato e Sambaccussì. Suoni e atmosfere magiche ed esotiche per un album che esprime ancora la sua essenza di musicista a tutto tondo.


Condividi