Scusate il ritardo - trama


Regia: massimo Troisi Anno: 1983 Interpreti:Massimo Troisi, Lello Arena, Giuliana de Sio Lina Polito, Franco Acampora, Olimpia Di Maio, Nicola Esposito
Musiche: Antonio Sinagra

locandina "scusate il ritardo"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scusate il ritardo inizia con un funerale, anche se non si capisce bene chi sia il morto. Vincenzo (M. Troisi) è un disoccupato che vive a casa con sua madre, mentre sua sorella Patrizia è ormai sposata e suo fratello Alfredo, è un affermato attore comico. Questo provoca un pò di invidia in Vincenzo che si sfoga con sua madre: "chillo Alfredo è fortunato! chesta è nà famiglia triste.. chillo se mette a ffà l'attore comico, piglie e gli riesce! comme a chiami tu chesta mà... è sciorte, furtuna" - "aaah Viciè, 'a vita s'adda piglià comme vene!" - lo ammonisce la madre - "Allora je so scemo! 'a vita s'adda piglià comme vene... e je a piglia comme và? je a piglia comme vene, ma guardacaso a mme vene sempe na' chiavica! Dopo un pò, fa la sua comparsa Tonino (Lello Arena) amico di Vincenzo, molto depresso perchè la sua ragazza lo ha lasciato, per uno svedese! "Uè Tonì, comme stai?" S'informa Vincenzo "E come devo stare vincè, sempre uguale! Io, io ti devo parlare Vincè, io mi devo sfogare con qualcuno, due minuti..." - "Ma quanno adesso?" - "no, pure dopo..." - "E, dopo Tonì, quanno se ne sono andati tutti" - Gli offrono un caffè, ma lo rifiuta perchè ha il fegato malato"Si Vincè, ma non fare che dici dopo parliamo e poi non parliamo.." - "Tonì, se ti ho detto dopo è dopo, parliamo non ti preoccupare" - Ma Tonino non è convinto... "Vincè..." - "Tonì, t'aggie ditte dopo parliamo!" - "Vincè..." - "Basta Tonì! nun te vogghie vedè cchiù, vavattenne.." 

 

Vincenzo nota tra la gente in salotto Anna (Giuliana De Sio), una bella ragazza e si informa presso la sorella: "Patrì, ma chi è chella guagliona..." - "è Anna, na' amica mia 'e scola, ma pecchè ti piace? ma chella è intelligente.." - "Scusa e je so' scemo! Nella classe mia ero 'o terzo! ed eravamo trentadue 'e nummero!" Patrizia li presenta: "Anna questo è vincenzo, l'altro mio fratello" - "Piacere, perchè l'altro mio fratello?" - "No è che stavamo parlando di Alfredo, che Anna ha visto ieri in televisione" - "Ah, e ti è piaciuto, ti sei divertita?" - "si mi sono fatta un sacco di risate" Risponde Anna "Si si, vabbè che qua, siamo tutti un pò divertenti in famiglia..." [Ma non era una famiglia triste??] Dopo Vincenzo attacca un monologo sulla sua classe di quando andava a scuola: "io, in classe mia, ero il terzo... come.. si dice, il primo della classe e cose, io ero il terzo, oh eravamo trenta! Ci stava Cimmino Balocco e poi venivo io.." Anna ad un certo punto inizia a stare male, si alza, e sviene. Quando rinviene sul letto, c'è Vincenzo che la guarda timidamente, toccandosi il sopracciglio [gesto ricorrente nei suoi film]. "Che vergogna, sono svenuta proprio come una stupida.." Esclama Anna "No no perchè?" - "eh, sono svenuta!" - "si ma mica come una stupida, anzi, sei svenuta.. intelligen.. cioè no intelligente, sei svenuta bene, cioè nessuno 'a ditto..." - "pensa che è la prima volta che svengo" - "No io invece prima, svenivo sempre..." - E la sera purtroppo, a Vincenzo tocca di dover sentire gli sfoghi dell'amico Tonino: "Tre anni Vincè, dopo tre anni mi lascia e si mette con uno svedese, con uno svedese!" Intanto piove a dirotto... "Jamme Tonì, luammece 'a sotto a chest'acqua" - "non fa niente, tengo l'impermeabile.." - "E, ma je sto accussì pero!" - "è che... io penso sempre a lei penso!" E dicendo questo Tonino batte forte un piede in una pozzanghera, inondando Vincenzo.. "Tonì! Me l'e fatta arruà mocca l'acqua!" - "Scusa Vincè, è che io mi devo sfogare.." - "e che t'aggia dicere Tonì, schizza se stai meglio, schizza, 'o jetto 'o calzone.." - "Lei mi voleva avvisare; Tonì tu mi lasci troppo sola, io non ho un cane con il quale parlare.." - "aah Ton', vuò vedè ca 'a vittima è essa? Se vuleva a nu cane si pigliava a nu cane no a uno svedese.." Tonino da un altro calcio ad una pozzanghera.. "Schizza tonì, tanto oì, ma'je cumbinato nà chiavica!" - "Ho capito Vincè; mi ha lasciato pecchè sò brutto!" - "Ma che significa, se eri brutto nun se metteva proprio cu tte, che faceva: ah, guarda quello com'è brutto, adesso mi fidanzo cosi lo lascio.." - "Io sto troppo male Vincè, mi capisci? - "Si.." - "no tu nun me può capì" - "Eh tonì! Je m'aggia pigliata 'a stessa acqua toja e nun te pozze capì?? Jamme Tonì, luammece 'a sotto a chest'acqua mò, je nun pozze piglia tutta chest'umidità.." 

Infatti, la mattina seguente Vincenzo ha la febbre, dopo un pò Anna lo va a trovare e Parlando del più e del meno, lo invita ad andare con lei da un amica, ad una villa al mare. Vincenzo accetta, passeggiano in spiaggia, si parlano, ed alla fine ci scappa un bacio fra molto imbarazzo. Fra qualche giorno sarà il compleanno della mamma, e Vincenzo e Patrizia vorrebbero farle un regalo, ma hanno bisogno dell'aiuto di Alfredo.. "Scusa Alfrè" Esordisce Vincenzo "poichè fra qualche juorno è 'o compleanno 'e mammà, avevamo pensato 'e ce fa nu regalo, 'a televisione. Mettimme; cinquemilalire io, cinquemilalire Patrizia ...e nu milione e due... tu" - "Ahh Vincè! allora miette tutte cose io tenetaville 'e cinquemilalire!" Tonino sta ancora male, va a chiamare Vincenzo.. "Vincè, io mi devo sfogare sto troppo male.." - "e Tonì, ti devi sfogare ma cù tante case a disposizione, addò tà sfucà? Miezzo 'a nà via! Io sono stato malato Tonì, vuoi che prendo una ricaduta? - "Vincè, tutti ridono alle spalle mie.. e pure tu! Ridi e ti diverti alle spalle mie.. - "Io?? je sto sempe cù tte!!" - "io lo so, e che sono scemo? Io non sono scemo Vincè, ridete, io sto male e voi ridete.. ho capito che devo fare; io mi uccido! No non voglio pietà, compassione... meglio un giorno da leone.. meglio cento giorni da pecora?" - "Ja Tonì che ne saccio, fai cinquanta giorni da orsacchiotto cosi nun fai a figura di merda d'a pecora.." - "bravo, e questo che dici quando te ne vai: Tonino, l'orsacchiotto bravo. Ma, ho capito perchè mi ha lasciato, mi ha lasciato perchè sò brutto! tu Vincè quando baci, baci con gli occhi aperti o chiusi?" - "Non mi ricordo Ton'.. chiusi ja.." - "Invece quando stavo con lei, la baciavo, e quando aprivo gli occhi la trovavo con gli occhi aperti! E poi mi diceva: Tonino, ma come sei strano visto cosi da vicino.. strano, che significa strano? di quello che pensi; Tonino come sei brutto, almeno è sincerità.."

 

La madre di Vincenzo si prende cura di un anziano professore, che abita al piano di sopra, gli fa da mangiare ecc. e oggi tocca a Vincenzo portargli il pranzo.. "Professò vi ho portato il mangiare.." Lui lo fa sedere ed inizia a mangiare. Dopo gli fa una richiesta: "Vincè, se io dovessi morire, tu prendi questa busta e vai da..." E gli da una serie di compiti da svolgere dopo un eventuale decesso. Vincenzo ha anche la chiave di casa del professore, cosi quando sa che non è in casa, a sua insaputa ci porta Anna, con cui ha ormai una relazione: "Però, è carino questo professore a prestarti la casa.." Dice Anna a Vincenzo, e lui accenna uno stantato: "..si si" Poi lei si lascia andare ad un"Ti amo.." E lui.. "eh.. anch'io..". La mattina seguente sono tutti in cucina, Anna parla con Alfredo, mentre Patrizia è alle prese con i capricci di sua figlia Valeria.. "Valeria basta! se non la smetti ti faccio mangiare da zio Vincenzo.." - "Ma pecchè gli 'a dicere sti cose 'a guagliona?! - "Scusa Vincè, è che di qualcuno s'adda mettere paura.." - "e s'adda mettere paura proprio 'e me? Pò quanno cresce mi odia.. falla magnà ad Alfredo.." - "Pecchè, a me me pò odia?" Insorge Alfredo " No, ma tu ormai stai sistemato, non hai bisogno dei nipoti, io invece un domani che ne sai.. mi serve qualcosa 'a uagliona dice; no, a zio Vincenzo lo odio perchè da piccola mi dava i morsi.. siente a me, è meglio ca t'a magne tu!" Anna e Vincenzo vengono chiamati dal capostazione perchè c'è uno strano tipo che rimane fermo sotto l'acqua... è Tonino! "E amico vostro?" Chiede il capostazione "Io l'ho visto sotto l'acqua e i treni passavano e lui rimaneva fermo, sotto l'acqua!" - "si si, a lui gli piace.." Cosi vanno via, e Tonino tira fuori un coltello, Anna spaventata va a vedere, Vincenzo invece sa che non ha nessuna intenzione di suicidarsi, ed ironicamente dice: "digli cà se se da 'a curtellata s'a dasse a sinistra che a destra tene 'o fegato malato..." 

Il rapporto fra Vincenzo ed Anna inizia ad incrinarsi, e lei decide di prendersi una pausa di riflessione, Vincenzo accetta. Dopo qualche giorno però inizia a stare male, molto male. Tonino che nel frattempo ha trovato una nuova ragazza, si trova stavolta lui a dover consolare l'amico, e dispiaciuto per il suo stato decide di andare a parlare con Anna. Il giorno dopo gliela porta a casa.. "Vincè, come volevasi... in cucina, Anna" - "Come?? Anna sta in cucina? e che l'e ditte pecchèsta ccà?" - "Niente gli ho detto Anna Vincenzo ti deve parlare.." - "Io a devo parlare?? nun saccio c'aggia dicere! Ma pecchè j'a fa sti ccose?" Poi Tonino torna in cucina ed Anna entra nella stanza.. "ehi, ciao, come stai?" - "..bene.." - "Allora, Tonino mi ha detto che stavi male.." - "Ma nossignore chi è che sta male!?! Chillo Tonino fa sempe sti ccose parla parla pè fa vedè cà jesse sape.." - "Lo sai, sono proprio contenta che stai male.. dai scherzo mi dispiace, però anche tu, mi potevi fare una telefonata.. io ha deciso che... io torno a Perugia" Vincenzo ha un sussulto.. "se mi vuoi ancora bene, se stai bene ccù me e cose, non partire.." - "Vincenzo non lo so.. se devo essere sincera.." - "No! chi t'a ditte che.. puoi dire pure una bugia tanto chi se ne... cioè.. resta...

Fine


 

 



 

 

Google
Web Scusate il ritardo